logo progetto blu 500

Abiformazione

Il progetto

La formazione per la Consulenza Patrimoniale
Costruire, tutelare e trasmettere il patrimonio nell’era della MiFID 2
Scarica la brochure di presentazione del progetto

Progressivo invecchiamento della popolazione, concentrazione dei patrimoni nella fascia over 65 della clientela, circa 3.600.000 imprese condotte da un singolo imprenditore in età avanzata, aziende familiari che scompaiono in assenza di pianificazione del passaggio generazionale, incremento delle famiglie “allargate” e complesse rispetto a quelle tradizionali, bassa propensione a pianificare la successione familiare, crisi e turbolenze dei mercati e degli scenari economici, quadro normativo in evoluzione: sono solo alcune delle motivazioni che spingono gli intermediari a puntare sempre più sui margini da servizi, potenziando l’offerta di consulenza avanzata e personalizzata in grado di orientare a 360 gradi le scelte dei clienti in merito allo sviluppo, alla gestione, alla tutela e alla trasmissione dei loro patrimoni.

La consulenza patrimoniale è un servizio estremamente complesso.
L’interazione con il cliente è finalizzata alla creazione di un rapporto professionale e fiduciario, condizione necessaria per portare alla luce bisogni e obiettivi e per condurre un'analisi complessiva che tenga conto del patrimonio, del sistema di relazioni familiari e della situazione imprenditoriale del cliente. Solo sulla base dei risultati di queste indagini è infatti possibile definire adeguate soluzioni finanziarie, assicurative, previdenziali, fiscali, di asset protection e di transmission line management.

 

Il Consulente patrimoniale

Il consulente patrimoniale è un professionista specializzato nel fornire una consulenza ad ampio raggio che consenta ai clienti di agire in maniera prospettica, a partire dal contesto familiare e patrimoniale attuale, pianificando le azioni più opportune per la costruzione, lo sviluppo, la tutela e la trasmissione del patrimonio.

Il ruolo impone quindi il possesso di competenze tecnico-normative avanzate e di capacità imprenditive e relazionali adatte a creare e mantenere rapporti fiduciari nel tempo con i clienti. Il consulente deve inoltre essere in grado di gestire il team di professionisti necessario all’implementazione del mix di soluzioni individuato.

Leggi qui a fianco l'intervista di Aida Maisano sull'importanza della consulenza patrimoniale.

 

Intervista AidaMaisano

La proposta formativa di ABIFormazione

ABIFormazione propone un'offerta formativa flessibile che prepara alla consulenza patrimoniale rendendo i partecipanti in grado di:

  • individuare i bisogni dei clienti (in tema di costruzione, sviluppo, gestione, tutela e trasmissione del patrimonio);
  • effettuare un check-up accurato dello stato patrimoniale e del contesto familiare-aziendale del cliente;
  • proporre il mix di servizi e prodotti più adeguati ai bisogni del cliente nelle diverse fasi del ciclo di vita del suo patrimonio, anche interagendo con gli esperti tematici (legali, fiscali ecc.) interni ed esterni alla propria azienda;
  • essere compliant alle diverse discipline vigenti in tema di gestione, tutela e trasmissione del patrimonio familiare e aziendale;
  • evolvere la propria capacità di individuare proattivamente problemi e soluzioni, orientandosi verso la costruzione di una partnership fiduciaria, efficace e duratura con il cliente.

Il percorso è proposto sia in modalità interaziendale presso il centro di formazione di Milano di ABIFormazione, sia in house presso le sedi delle aziende clienti. È possibile inoltre richiedere la fruizione interamente online.

A chi ci rivolgiamo

  • Consulenti finanziari abilitati all'offerta fuori sede
  • Gestori retail
  • Gestori corporate
  • Gestori di filiale bancaria
  • Private banker
  • Agenti assicurativi
  • Consulenti indipendenti

La struttura del progetto formativo

Tanti piccoli “cortometraggi” mettono in scena situazioni reali legate alla gestione, tutela e trasmissione dei patrimoni familiari e aziendali: scenari diversi e paralleli messi a confronto utilizzando il dispositivo “sliding doors” per evidenziare le conseguenze di “scelte” e “non scelte” in tema di pianificazione patrimoniale.

frame dei videocasi

Dai bisogni espressi e sceneggiati nei casi, prendono spunto le videolezioni tematiche. Esperti e docenti universitari illustrano le caratteristiche tecniche e giuridiche dei servizi e degli strumenti che meglio rispondono alle esigenze dei clienti. Le videolezioni, insieme ad altri moduli di formazione a distanza (e-book, ipertesti), forniscono nozioni teoriche e pratiche, modelli e metodologie necessari per strutturare un servizio completo di consulenza patrimoniale. Slide e dispense sono sempre a disposizione per un ripasso o un approfondimento.

I partecipanti possono misurare in itinere il loro apprendimento con questionari di autovalutazione, che restituiscono feedback puntuali individuando le conoscenze acquisite e quelle da rinforzare. Sessioni d’aula o, su richiesta, webinar (sessioni in diretta audio/video) sono dedicati all’approfondimento e al confronto con esperti di materia fiscale, legale, ereditaria, finanziaria, creditizia, assicurativa e previdenziale.

I temi

Il progetto formativo, che si articola in corsi, è erogato in modalità blended learning ed è caratterizzato da un approccio pratico e funzionale che privilegia la metodologia induttiva.

Il partecipante ha a disposizione una piattaforma e-learning (LMS) scorm compliant (Area formativa) per fruire dei video e delle risorse formative e per dialogare con i tutor.

I corsi "Costruzione e sviluppo del patrimonio dell'era della MiFID 2" "Tutela e trasmissione del patrimonio" delineano le principali casistiche di bisogno del cliente e individuano le soluzioni più adeguate in relazione agli specifici contesti e alla particolare fase del ciclo di vita del patrimonio.

Questi corsi si articolano in moduli tematici. Ogni modulo si apre con un assessment on line che, attraverso specifici report, mappa lo stato delle conoscenze del discente e lo orienta nel suo percorso di apprendimento.

Al termine di ogni modulo sono previsti momenti di valutazione dell’apprendimento finalizzati al conseguimento di una specifica attestazione.

Il corso "Il processo di consulenza: proattività e relazione con il cliente" si svolge interamente in aula ed è dedicato al ruolo e allo sviluppo della proattività, della responsabilità, dell’imprenditività e di un approccio commerciale orientato alla relazione consulenziale e negoziale con cliente privato e impresa.

 

corso completo

Macrostruttura del percorso "Consulenza patrimoniale" (interaziendale)

CORSO - Costruzione e sviluppo del patrimonio nell'era della MiFID2

  • Modulo 1 - La costruzione del patrimonio
  • Modulo 2 - Lo sviluppo del patrimonio

CORSO - Tutela e trasmissione del patrimonio

  • Modulo 1 - La tutela del patrimonio
  • Modulo 2 - La trasmissione del patrimonio

CORSO - Il processo di consulenza: proattività e relazione con il cliente

Kick off, 7 giornate di formazione d’aula, circa 85 ore di formazione a distanza, 4 test di valutazione.
Durata del percorso: circa 8 mesi.

 

Il percorso "La formazione per la Consulenza Patrimoniale" è accreditato da EFPA, in modalità A, ai fini del mantenimento della certificazione EFA.
 EFPA sm
I singoli moduli del percorso sono così accreditati:
  • "La costruzione e sviluppo del patrimonio"  per 15 ore;
  • "Lo sviluppo del patrimonio" per 20 ore
  • "La tutela del patrimonio" per 20 ore
  • "La trasmissione del patrimonio" per 20 ore
  • "Il processo di consulenza: proattività e relazione con il cliente" per 20 ore
 

 

Il Diploma in Consulenza patrimoniale

È previsto il rilascio del Diploma in Consulenza patrimoniale di ABIFormazione a coloro che supereranno tutti i test di valutazione previsti all'interno del percorso.

Il percorso in house e i servizi di consulenza

I nostri specialisti sono a vostra disposizione per creare un percorso personalizzato in linea con gli obiettivi e le strategie della vostra azienda.